Home Atteggiamento Vuoi un Nuovo Anno o un Anno Nuovo?

Vuoi un Nuovo Anno o un Anno Nuovo?

by Silvia Cerisetti
0 comment
Coppia giovane che si bacia per strada con le luci natalizie nello sfondo

Inizia un Anno Nuovo, costellato di buoni propositi, sogni, speranze.

Tra oroscopi e “vorrei” speriamo in un Buon Anno, che spesso non coincide con un Nuovo Anno.
Mi spiego meglio. Statisticamente 2/3 degli italiani ogni gennaio si prefigge buoni propositi, cose che vorrebbe fare nei mesi successivi, che finisce per non fare e rimandare al gennaio successivo.
Eh già, anche a me è capitato di rientrare in questa casistica.

La famosa zona di comfort

Andare in palestra, iniziare uno stile alimentare sano, ritagliarsi del tempo per attività in famiglia ecc…
Da Coach potrei dire che spesso dipende dal fatto che i “buoni propositi”, non vengono trasformati in obiettivi misurabili, con una data di scadenza, con un piano d’azione, ecc…ma la faccio più semplice: non facciamo cose diverse per un periodo sufficientemente lungo.
Risultato: se non agiamo diversamente, la situazione non cambia, al lavoro, nella nostra sfera personale, nelle relazioni.

Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose

Albert Einstein

D’altronde abbiamo sentito parlare diverse volte della famosa “zona di comfort”, altro non è che un’insieme di abitudini, quindi di azioni che facciamo, e che non ci costano fatica perché sono di routine.
La nostra mente è programmata per questo: per farci sopravvivere. Ci sentiamo così tranquilli nelle nostre abitudini, come se fossero la copertina di Linus. Peccato che, a volte, perpetuiamo abitudini non sane, che non ci fanno vivere bene o essere felici. Più che una copertina calda diventa una pezza piena di buchi ma rappresenta il “conosciuto”, il “sicuro”, quindi il comodo.

La nostra crescita, e spesso la nostra felicità, è al di fuori da quella copertina, da quell’insieme di pensieri, azioni, situazioni a cui ci siamo abituati e che, spesso, ci facciamo andare bene. Vale nelle situazioni lavorative, nella nostra sfera personale, in quella delle relazioni e in ambito sessuale. Ci siamo abituati, ci facciamo andare bene, è più comodo continuare così.

Ma, l’abbiamo detto prima, se vogliamo cose diverse, dobbiamo fare cose nuove. Allora vogliamo un Nuovo Anno, non solo un Anno Nuovo dove continuare a vivere situazioni che a livello sentimentale non ci soddisfano.

Vogliamo maggior intimità, maggior passione, maggior intesa sul piano mentale, fisico, sessuale e, allora, facciamolo qualcosa che vada in quella direzione.

Troppo spesso succede questo. Immaginiamo che la nostra relazione sia come un grande salvadanaio: abbiamo iniziato la storia d’amore investendo, mettendo via monete. Ogni gesto d’affetto, ogni parola di comprensione, ogni volta che abbiamo mostrato vicinanza, ogni volta che abbiamo fatto l’amore con passione.
Poi, gli anni passano, apprendiamo e prendiamo abitudini nella relazione che spesso hanno tolto monete dal salvadanaio. Ogni volta che abbiamo dato per scontato, ogni volta che non abbiamo detto quella cosa tanto “lei/lui sa come sono fatto/a”, ogni volta che non abbiamo fatto quello che era opportuno fare.
In quei “ogni volta”, abbiamo tolto monete dal nostro salvadanaio, abbiamo smesso di investire, di dare, e abbiamo rischiato di rimanere senza nulla.

Bene, è arrivato un Nuovo Anno. Smettiamo di leggere oroscopi e consultare oracoli, tanto, veramente tanto, dipende da noi, col fare piccole cose nuove, diverse. Non importa stupire il partner con gesti eclatanti, basta ricominciare a dare, a darci, a donarci completamente sotto ogni punto di vista.

Ricominciamo a sentire davvero l’altro quando ci parla, quando non ci parla, quando facciamo l’amore. Ricominciamo a rimetterci in contatto con la sua anima, con il suo cuore.

Programmiamo momenti di leggerezza, di gioco, di intimità con il partner. Immaginiamo di tornare bambini e rivivere con entusiasmo, curiosità, voglia di divertirsi.
Io credo che, in generale, ci sia bisogno di maggior divertimento, di ridere, anche, e soprattutto, quando si è stanchi o magari preoccupati e quando la vita di tutti i giorni ci appesantisce.

Basta poco, con iniziare a fare cose nuove. Buon Nuovo anno!

You may also like

Leave a Comment

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.